"Non si turbi dunque il tuo cuore, e non abbia timore" (Gv 14,27). Credi in me e abbi fiducia nella mia misericordia.

AmoGesu2

Scritti di Santi e Beati

.................................. 

Obbligo di pregare per le anime del Purgatorio

Ma qui mi si permetta di fare una digressione a beneficio di quelle sante anime!

Se vogliamo noi il soccorso delle loro orazioni, è bene che ancora noi attendiamo a soccorrerle con le nostre orazioni ed opere.

Dissi, è bene, ma anche deve dirsi essere questo uno dei doveri cristiani, poiché richiede la carità, che noi sovveniamo il prossimo quando il prossimo sta in necessità del nostro aiuto, e noi possiamo aiutarlo senza grave incomodo.

Or è certo che i nostri prossimi sono ancora le anime del Purgatorio, le quali benché non siano più in questa vita, nulladimeno non lasciano d'essere nella comunione dei Santi, dice S. Agostino.

E più distintamente lo dichiara S. Tommaso a nostro proposito, dicendo che la carità dovuta verso i defunti, i quali sono passati all'altra vita in grazia, è un'estensione di quella stessa carità, che dobbiamo verso i nostri prossimi viventi (In Ps. 37).

Ond'è che noi dobbiamo soccorrere secondo possiamo quelle sante anime come nostri prossimi. Ed essendo le loro necessità maggiori di quelle degli altri prossimi, maggiore ancora per questo riguardo par che sia il nostro dovere di sovvenirle.

Ora in quali necessità si ritrovano quelle sante prigioniere?

E' certo, che le loro pene sono immense. “Il fuoco che le cruccia, dice S. Agostino, è più tormentoso di qualunque pena, che possa affliggere l'uomo in questa vita”. E lo stesso stima S. Tommaso, aggiungendo essere quello il medesimo fuoco dell'inferno.

E ciò è in quanto alla pena del senso, ma assai più grande è poi la pena del danno, cioè la privazione di Dio, che affligge quelle sue sante spose; mentre quelle anime, non solo dal naturale, ma anche dal soprannaturale amore, di cui ardono verso Dio, sono tirate con tal impeto ad unirsi col loro Bene, che vedendosi poi impedite dalle loro colpe, provano una pena così acerba che se esse fossero capaci di morte, morirebbero in ogni momento.

Sicché, secondo quanto dice il Crisostomo, questa pena della privazione di Dio tormenta immensamente più che la pena del senso. Ond'è che quelle sante spose vorrebbero patire tutte le altre pene, anziché esser private d'un sol momento di quella sospirata unione con Dio.

Dice pertanto il maestro Angelico, che la pena del Purgatorio eccede ogni dolore che può patirsi in questa vita. E riferisce Dionisio Cartusiano, che un certo defunto, poi risorto per intercessione di S. Girolamo, disse a S. Cirillo Gerosolimitano, che tutti i tormenti di questa terra sono sollievi e delizie a rispetto della minor pena, che v'è nel Purgatorio.

E soggiunse, che se un uomo avesse provato quelle pene, vorrebbe più presto soffrire tutti i dolori di questa vita che hanno patito gli uomini fino al giorno del giudizio, che patire per un giorno solo la minor pena del Purgatorio.

Onde scrisse il nominato S. Cirillo, che quelle pene, in quanto all'asprezza, sono le stesse che quelle dell'Inferno; in questo solo differiscono, che non sono eterne.

Le pene dunque di quelle anime sono troppo grandi; dall'altra parte non possono aiutarsi da sé; esse, secondo quel che dice Giobbe, in catena ed annodate dai lacci di povertà (Gb 36,8).

Sono già destinate al regno quelle sante regine, ma sono trattenute sin tanto che non giunge il termine della loro purga; sicché non possono aiutarsi (almeno a sufficienza, se vogliamo credere a quei Dottori, i quali vogliono che quelle anime ben possano anche con le loro orazioni impetrarci qualche sollievo) per sciogliersi da quelle catene, finché non soddisfano interamente la divina giustizia.

Così appunto disse dal Purgatorio un monaco Cistercense al sacrestano del suo monastero: “Aiutatemi, vi prego, con le vostre orazioni, perché io da per me niente posso ottenere”. E ciò è secondo quel che dice S. Bonaventura, cioè che quelle anime sono così povere, che non hanno come soddisfare.

All'incontro essendo certo, anzi di fede, che noi possiamo con i nostri suffragi, e principalmente con le orazioni approvate od anche praticate dalla Chiesa, sollevare quelle sante anime; io non so come possa essere scusato da colpa, chi trascura di porgere loro qualche aiuto, almeno con le sue orazioni.

Ci muova almeno a soccorrerle, se non ci muove il dovere, il gusto che si dà a Gesù Cristo, in vedere che noi ci applichiamo a sprigionare quelle sue dilette spose, acciocché le abbia con sè in Paradiso.

Ci muova almeno finalmente l'acquisto dei gran meriti che possiamo fare, con usare questo grande atto di carità verso di quelle sante anime, le quali all'incontro sono gratissime, e ben conoscono il gran beneficio che noi loro facciamo, sollevandole da quelle pene, e ottenendo con le nostre orazioni l'anticipo della loro entrata alla gloria; onde non lasceranno, allorché elle saranno ivi giunte, di pregare per noi.

E se il Signore promette la sua misericordia a chi usa misericordia al suo prossimo: beati i misericordiosi, perché questi troveranno misericordia (Mt 5,7), con molta ragione può sperare la sua salute chi attende a sovvenire quelle sante anime così afflitte, e così care a Dio.

Gionata, dopo aver procurata la salute degli Ebrei con la vittoria che ottenne dei nemici, fu condannato a morte da Saul suo padre per essersi cibato del miele, contro l'ordine da lui dato. Ma il popolo si presentò al re, e disse: E dovrà dunque morire Gionata, il quale ha salvato Israele (1 Re 14,45).

Or così appunto dobbiamo sperare che se mai alcuno di noi ottiene con le sue orazioni, che un'anima esca dal Purgatorio e vada in Paradiso, quell'anima dirà a Dio: Signore, non permettere che si perda colui che mi ha liberato dalle pene. E se Saul concesse la vita a Gionata per le suppliche del popolo, non negherà Iddio la salute eterna a quel fedele per le preghiere di un'anima che gli è sposa.

Inoltre, dice S. Agostino, che coloro che in questa vita avranno più soccorso quelle sante anime, nell'altra, stando nel Purgatorio, farà Dio che siano più soccorsi degli altri.

Si avverta che il più gran suffragio per le anime purganti è il partecipare alla Messa per esse, ed in quella raccomandarle a Dio per i meriti della Passione di Gesù Cristo, dicendo così: Eterno Padre, io vi offro questo sacrificio del Corpo e Sangue di Gesù Cristo, con tutti i dolori ch'egli patì nella sua vita e morte; e per i meriti della sua Passione vi raccomando le anime del Purgatorio e specialmente... ecc.

Ed è atto di molta carità raccomandare nello stesso tempo anche le anime di tutti gli agonizzanti.

Abbiamo un Avvocato se abbiamo peccato.

Figlioli miei, vi scrivo queste cose perché non pecchiate; ma se qualcuno ha peccato, abbiamo un avvocato presso il Padre: Gesù Cristo giusto. Egli è vittima di espiazione per i nostri peccati; non soltanto per i nostri, ma anche per quelli di tutto il mondo. - (1Gv 2,1-2) 
 
Abbiamo un Retributore che ricompensa le opere compiute o omesse
Tutti infatti dobbiamo comparire davanti al tribunale di Cristo, per ricevere ciascuno la ricompensa delle opere compiute quando era nel corpo, sia in bene che in male. (2Corinzi, 5,10)
 
 

Doveva soffrire molto

Gesù cominciò a spiegare ai suoi discepoli che doveva andare a Gerusalemme e soffrire molto da parte degli anziani, dei capi dei sacerdoti e degli scribi, e venire ucciso e risorgere il terzo giorno. (Mt 16,21)

 

Lock full review http://8betting.co.uk/ 888 Poker