Va' nella tua casa, e annuncia ciò che il Signore ti ha fatto e la misericordia che ha avuto per te».   (Mc 5,19)

AmoGesu2

Adorazione Eucaristica

santissimo sacramento

Sostieni Amo Gesù    

VISITA XXIV - Gesù Sacramentato è tanto oltraggiato il vostro amore e il vostro Cuore innamorato!

Ascolta 

Veramente tu sei un Dio misterioso (Is 45, 15).

In nessun'altra opera del divino amore si avverano tanto queste parole quanto in questo mistero adorabile del SS. Sacramento, dove il nostro Dio sta in tutto nascosto.

Nel prender carne l'Eterno Verbo nascose la sua divinità e comparve uomo sulla terra; ma nel restarsene con noi in questo Sacramento Gesù nasconde anche l'umanità, e solo, dice S. Bernardo, appare di pane, per dimostrare con essa la tenerezza d'amore che ha per noi: Si cela la divinità, si cela l'umanità, solo appare l'amore. 

A vista di questo eccesso, o mio amato Redentore, di tanto affetto che voi avete per gli uomini io resto, Signor mio, fuori di me e non so che dirmi. Voi in questo Sacramento arrivate per amore nostro sino a nascondere la vostra maestà ed avvilire le vostre glorie: arrivate sino a consumare ed annientare la vostra vita divina e umana. E mentre state sugli altari altro ufficio par che non fate che di amare noi e far palese l'amore che ci portate; e noi quale riconoscenza ve ne rendiamo, o gran Figlio di Dio!

O Gesù, o nostro amante, lasciatemi dire, troppo appassionato per gli uomini, mentre vi vedo anteporre i loro beni allo stesso vostro onore.

E non sapevate voi a quali disprezzi doveva esponervi poi questo amoroso vostro disegno? Io vedo, e ben prima lo vedevate voi, che la maggior parte delle persone non vi adora né vi vuole conoscere per quello che siete in questo Sacramento. So che tante volte queste stesse persone sono giunte a calpestare le ostie consacrate ed a buttarle sulla terra, nelle acque e nel fuoco. E miro anche la maggior parte, anche di coloro che vi credono, oh Dio, che invece di riparare a' tanti oltraggi con i loro ossequi e adorazioni, o vengono nelle chiese a più disgustarvi con le irriverenze, o vi lasciano abbandonato negli altari, sprovveduti alle volte anche di lampade e degli ornamenti necessari.

Oh potess'io, mio dolcissimo Salvatore, lavare con le lacrime mie ed anche col mio sangue quei luoghi e fatti infelici nei quali fu in questo Sacramento tanto oltraggiato il vostro amore e il vostro Cuore innamorato!

Ma se tanto non mi è concesso, io desidero almeno, Signor mio, e propongo di visitarvi spesso per adorarvi, come oggi vi adoro, per ringraziarvi per i beni concessomi e per riparare in contraccambio dei disprezzi che ricevete dalle persone in questo divinissimo mistero. Accettate, o Eterno Padre, questo misero onore che in riparazione delle ingiurie fatte al vostro Figlio sacramentato vi rende oggi la più misera fra le persone quale sono io; accettatelo in unione di quell'onore infinito che vi rese Gesù Cristo sulla croce e che vi rende ogni giorno nel SS. Sacramento. Oh potessi far io, o mio Gesù sacramentato, che tutte le persone fossero innamorate del SS. Sacramento!

Giac. Oh amabile Gesù, fatevi conoscere, e fatevi amare.

A Maria

Signora mia potentissima, nei timori dell'eterna mia salute tanto mi sento confidare quando ricorro a voi, e quando penso che voi, Madre mia, da una parte siete così ricca di grazie, che S. Gio. Damasceno vi chiama Pelago delle grazie; il mare delle grazie; S. Bonaventura la fonte dove sono congregate tutte le grazie: Colei in cui si racchiudono tutte le grazie; Sant'Efrem vi chiama Sorgente di grazie e di ogni conforto; e S. Bernardo la pienezza d'ogni bene: Pienezza di ogni bene.

E dall'altra parte penso che siete così inclinata e condiscendente a far bene, che vi stimate offesa, come dice S. Bonaventura, da chi non vi cerca grazie: In te, o Signora, pecca chi non ti chiede grazie

O ricchissima, o sapientissima, e clementissima Regina, io intendo che voi meglio di me conoscete i bisogni dell'anima mia, e voi mi amate più di quello che posso amarmi io; sapete dunque quale grazia vi chiedo oggi? Ottenetemi quella grazia che conoscete più espediente per l'anima mia; questa cercate a Dio per me e sono contento.

Giac. Dio mio, fatemi quelle grazie che vi cerca Maria per me.

Abbiamo un Avvocato

Figlioli miei, vi scrivo queste cose perché non pecchiate; ma se qualcuno ha peccato, abbiamo un avvocato presso il Padre: Gesù Cristo giusto. Egli è vittima di espiazione per i nostri peccati; non soltanto per i nostri, ma anche per quelli di tutto il mondo. - (1Gv 2,1-2)
 
 

Doveva soffrire molto

Gesù cominciò a spiegare ai suoi discepoli che doveva andare a Gerusalemme e soffrire molto da parte degli anziani, dei capi dei sacerdoti e degli scribi, e venire ucciso e risorgere il terzo giorno. (Mt 16,21)

 

Lock full review http://8betting.co.uk/ 888 Poker