Va' nella tua casa, e annuncia ciò che il Signore ti ha fatto e la misericordia che ha avuto per te».   (Mc 5,19)

AmoGesu2

Adorazione Eucaristica

santissimo sacramento

Sostieni Amo Gesù    

VISITA XXV - Gesù Sacramentato che io viva solo per ubbidirvi, solo per amarvi, solo per darvi gusto.

Ascolta 

San Paolo loda l'ubbidienza di Gesù Cristo dicendo ch'egli ubbidì all'Eterno Padre fino alla morte: Facendosi obbediente fino alla morte (Fil 2,8).

Ma in questo Sacramento è passato innanzi, mentre quivi ha voluto rendersi ubbidiente non solo all'Eterno Padre, ma ancora all'uomo: e non solo sino alla morte, ma sino che durerà il mondo:  facendosi ubbidiente fino alla consumazione dei secoli.

Egli il Re del cielo scende dal cielo per ubbidienza all'uomo, e sugli altari poi pare che resti a trattenersi per ubbidire agli uomini. Io non ho opposto resistenza (Is 50, 5). Ivi se ne sta senza muoversi da se stesso: si fa porre laddove lo pongono, o negli ostensori esposto o nelle custodie chiuso: si fa portare per dove lo portano, per le case, per le strade: si fa dare nelle comunioni a chi lo danno, o sia giusto o sia peccatore.

Mentre visse su questa terra, dice S. Luca ch'egli ubbidiva a Maria SS. ed a S. Giuseppe; ma in questo Sacramento egli ubbidisce a tante creature, quanti sono i sacerdoti nella terra: Io non ho opposto resistenza (Is 50,5).

Lasciate che io oggi parli con voi, o Cuore amantissimo del mio Gesù, da cui uscirono già tutt'i sacramenti, e principalmente uscì questo Sacramento d'amore.

Io vorrei rendere a voi tanto di gloria e d'onore, quanto voi ne rendete sacramentato nelle nostre chiese all'Eterno Padre. Io so che voi su quest'altare mi state amando con quello stesso amore con che mi amaste quando consumaste la vostra vita divina fra tante amarezze sulla croce.

Illuminate, o Cuore divino, a conoscervi chi non vi conosce. Liberate co'n i vostri meriti, o almeno sollevate nel purgatorio quell'anime afflitte che sono già vostre spose eterne.

Io vi adoro, vi ringrazio, vi amo con tutte l'anime che a quest'ora vi stanno amando nella terra e nel cielo.

Purificate, o Cuore purissimo, il mio cuore da tutti gli attacchi alle creature, e riempitelo del vostro santo amore.

Possedete, o Cuore dolcissimo, tutto il cuor mio, talmente che egli da oggi avanti sia tutto per voi e possa dire sempre: Chi mi separerà dall'amore di Dio che è in Cristo Gesù? (Rom 8, 35. 39) 

Scrivete, o Cuore santissimo, sopra del mio gli affanni così amari che per tanti anni sopra la terra sopportaste con tanto amore per me, acciocché alla loro vista io da oggi avanti aneli, o almeno sopporti per amor vostro con pazienza tutte le pene di questa vita.

Cuore umilissimo di Gesù, fatemi parte della vostra umiltà. Cuore mansuetissimo, comunicatemi la vostra dolcezza. Togliete dal mio cuore tutto ciò che a voi non piace. Convertitelo tutto a voi, acciocché non voglia né desideri se non quello solo che volete voi. Fate insomma che io viva solo per ubbidirvi, solo per amarvi, solo per darvi gusto. Conosco che troppo vi debbo, troppo voi mi avete obbligato: è poco se io tutto mi struggo e mi consumo per voi.

Giac. O Cuore di Gesù, voi siete l'unico signore del cuore mio.

A Maria

San Bernardo dice che Maria è quell'arca celeste, nella quale rifugiandoci a tempo, saremo liberati certamente dal naufragio della dannazione eterna: L'arca in cui evadiamo dal naufragio. Fu già figura di Maria l'arca dove Noè scampò un tempo dal naufragio universale della terra.

Ma dice Esichio che Maria è un'arca più ampia ancora di quella, più forte e più pietosa: Arca Noe largior. Pochi uomini e pochi animali in quella furono ricevuti e salvati; ma la Salvatrice nostra riceve tutti coloro che si rifugiano sotto il suo manto, e tutti sicuramente li salva. Poveri noi se non avessimo Maria! Ma quanti, Regina mia, si perdono! e perché? Perché non ricorrono a voi. E chi mai si perderebbe, se a voi ricorresse?

Giac. Maria santissima, fate che tutti ricorriamo sempre a voi.

Abbiamo un Avvocato

Figlioli miei, vi scrivo queste cose perché non pecchiate; ma se qualcuno ha peccato, abbiamo un avvocato presso il Padre: Gesù Cristo giusto. Egli è vittima di espiazione per i nostri peccati; non soltanto per i nostri, ma anche per quelli di tutto il mondo. - (1Gv 2,1-2)
 
 

Doveva soffrire molto

Gesù cominciò a spiegare ai suoi discepoli che doveva andare a Gerusalemme e soffrire molto da parte degli anziani, dei capi dei sacerdoti e degli scribi, e venire ucciso e risorgere il terzo giorno. (Mt 16,21)

 

Lock full review http://8betting.co.uk/ 888 Poker